Archivio | luglio 2012

Filetto di maiale con pomodorini

Ecco l’ultima ricetta che vi propongo dal matrimonio di Francesca e Mirco: Filetto di maiale con pomodorini. E’ un secondo molto semplice, ma gustoso, ed anche poco calorico, da mangiare a temperatura ambiente, quindi adatto anche col caldo di questi giorni.

INGREDIENTI:

– 1 filetto intero di circa 500 gr.
– 12 pomodorini
– olio evo
– 1 cucchiaio di senape in grani
– sale grosso
– rosmarino
– timo

PREPARAZIONE: Mondate il filetto da eventuale grasso, preparate la griglia molto calda con sopra il sale grosso, rosmarino e timo, quando è pronta metteteci il filetto e fatelo cuocere bene da tutti i lati, ci vogliono circa 15/20 minuti. Nel frattempo tagliate i pomodorini a pezzettini e metteteli in una ciotola con abbondante olio ed un cucchiaio di senape in grani (la quantità di olio e di senape dipende dai vostri gusti). Quando il filetto è pronto, mettetelo a riposare su un tagliere per almeno 10 minuti, poi tagliatelo a fette di circa 1/2 centimetro, adagiate le fette sul piatto di portata e cospargete con i pomodorini con il loro sughetto.

N.B. Io uso il sale dolce di Cervia perchè per le griglie è molto adatto, l’olio deve essere abbondante perchè deve irrorare bene la carne che, essendo cotta alla griglia, rimane un po asciutta, quindi necessita di un buon sughetto d’accompagnamento.  Continua a leggere

Annunci

Bouquet tigrato

Sempre per la voglia di mangiare qualche cosa di fresco che in questi giorni ci assale, ma senza dimenticare il gusto, anzi ci vuole qualche cosa che ci stuzzichi l’appetito, ho fatto questo omaggio floreale alle Sottilette Tigre.

INGREDIENTI:

10 fette di carne salada
– 6 sottilette Tigre
– 5 olive nere
– glassa di aceto balsamico

PREPARAZIONE: Ho preso le fettine di sottilette tigre e le ho tagliate a metà, poi ho preso 2 fette di carne salada e le ho piegate per la lunghezza e le ho leggermente sormontate, vi ho disposto sopra le sottilette Tigre ed ho montato le rose mettendo al centro un’oliva come decorazione. Ho preparato il piatto unendo al centro le rose e tagliando dalla sesta sottiletta delle foglioline che ho messo qua e là. Per ultimo ho immaginato la rugiada e l’ho fatta con le gocce di glassa di aceto balsamico.

N.B. Le rose stanno ben attaccate perchè la carne è umida, ma se non ci riuscite potete mettere uno stecchino sul fondo per sicurezza. Data la presentazione anche questa ricetta rientra nella rubrica Anche l’occhio vuole la sua parte, è semplice presentare un carpaccio con sopra banalmente del  formaggio, no? Continua a leggere

Tigre contro pollo alla cinese

Estate, caldo, voglia di qualche cosa di fresco….. ecco che mi fa capolino dal freezer mezzo petto di pollo arrosto: “faccio l’insalata di pollo” mi dico, ma con cosa? Apro il frigorifero e lì, vedendo le sempre presenti sottilette Tigre, mi viene in mente di usarle per assemblare una ricettina un po’ insolita, per questo l’ho chiamata TIGRE CONTRO POLLO ALLA CINESE.

INGREDIENTI:

– mezzo petto di pollo arrosto
– 3 o 4 sottilette Tigre
– una scatoletta di verdurine rustiche al vapore
– una scatoletta di germogli di soia
– olio e salsa di soia q.b.

PREPARAZIONE: Dopo aver scongelato il petto di pollo, l’ho tagliato a pezzettini e lo stesso ho fatto con le sottilette Tigre. Ho scolato sia le verdurine che i germogli di soia, ho unito il tutto in una ciotola e ho condito con olio e salsa di soia.

N.B. E’ un piatto molto veloce, fresco e stuzzicante e ovviamente gli ingredienti possono variare a seconda dei vostri gusti, ma vi garantisco che questo è un buon abbinamento e vi consiglio di provarlo. Eventualmente dopo potrete apportare delle modifiche. Continua a leggere

Caldo? Pasta fredda!

Con l’afa di questi giorni non si ha voglia di mangiare cibi caldi e si cercano le ricette dove possibilmente si accendano il meno possibile il forno e fornelli, che ci facciano refrigerare almeno un po’. Oggi ho fatto una pasta molto semplice, ma di sicuro effetto, non è la solita pasta condita con sott’oli e quant’altro…
Vi propongo una pasta fredda con gamberetti, fagiolini e pomodorini, molto fresca e che fa gia’ pensare alle vacanze.

INGREDIENTI:

– 250 gr. di pasta
– 200 gr. di gamberetti
– 1 scatola di fagiolini
– 15 pomodorini
– sale q.b.
– olio EVO q.b.

PREPARAZIONE: Fate cuocere la pasta, quando è cotta scolatela e raffreddatala sotto l’acqua corrente. Nel frattempo preparate il condimento in una ciotola abbastanza capiente per poi contenere anche la pasta, tagliate in quattro i pomodorini, aprite la scatola di fagiolini e sciacquateli (se sono lunghi, tagliateli a pezzetti) e condite il tutto con sale ed olio. Aggiungete la pasta e rimetteteci ancora un po’ d’olio, mescolate tutto e mettetela un po’ in frigorifero oppure lasciatela a temperatura ambiente.

Continua a leggere

“Anche l’occhio vuole la sua parte”: Bruschette e Caprese Scomposte

Ed eccomi tornata con la rubrica “Anche l’occhio vuole la sua parte” per continuare  con  le ricettine semplici che possono essere presentate in modo diverso. Questa volta prendiamo delle BRUSCHETTE AL POMODORO, possono essere servite come antipasto, in una cena in piedi o come finger food. Di solito prepariamo il nostro pane facendolo tostare o grigliare, chi vuole, lo strofina con l’aglio, poi il sale e dei pomodorini tagliati a pezzettini e conditi con olio e basilico.

Tante volte, per esempio nelle cene in piedi, diventa un po’ complicato mangiarle, si rischia di sbrodolarsi o di aver difficoltà ad addentarle rischiando di fare “brutte figure”, allora perchè non evitare ai nostri ospiti queste complicazioni?

Ecco risolto: tostiamo il nostro pane e lo tagliamo a quadratini di circa un centimetro per lato, nel frattempo tagliamo i pomodorini piu’ o meno delle stessa dimensione e li condiamo con olio, sale e basilico (chi vuole, prima di tagliare il pane lo puo’ strofinare  con l’aglio).

Ora prendiamo delle coppette, anche di diverse dimensioni e colore, saranno piu’ divertenti. Possono essere quelle per il pinzimonio o dei bicchierini di vetro, etc.
Mettiamo un po’ di pomodori sul fondo e poi dei cubetti di pane, poi ancora pomodori e pane e sopra due foglie di basilico a guarnire. Naturalmente se ne faranno piu’ di una per commensale, deve essere un trionfo di colori e di freschezza. Se l’avete potete anche disporle su un’alzatina, così rispettiamo il detto “anche l’occhio vuole la sua parte”.

Ma non è tutto!! Infatti, continuando sulla falsa riga della bruschetta al pomodoro, possiamo servire LA CAPRESE nello stesso modo, aggiungendo naturalmente la mozzarella, meglio se di bufala e lasciata a scolare la sua acqua dopo averla tagliata a dadini. Continua a leggere

Torretta di melanzane

Questa TORRETTA DI MELANZANE che vi propongo oggi è frutto di una rivisitazione di un antipasto mangiato in un bellissimo ristorante con sottofondo musicale, dove mangiando a suon di musica ho apprezzato maggiormente i sapori delicati delle ricette che mi venivano servite. Questa in particolare mi ha colpito per la sua mescolanza di sapori e consistenze diverse, che formano anch’esse una sinfonia armoniosa. Mi sono fatta prendere la mano dalla musica….forse…che ne dite??? Ma mangiare in queste condizioni è un’altra cosa. Ho riprovato a cucinarla e devo dirvi che non mi è venuta niente male (modesta). Ora seguitemi.

INGREDIENTI:

– 1 melanzana media (quella rodonda violetta)
– 100 gr. di carpaccio di pesce spada affumicato
– 1 mozzarella di bufala grande
– 1 cucchiaio di pesto
– olio evo q.b.

Continua a leggere

“Anche l’occhio vuole la sua parte”: Risotto sotto la cupola

Oggi non vi propongo una ricetta, ma una nuova rubrica che intendo sviluppare: “Anche l’occhio vuole la sua parte“: Con questo mi riferisco al modo di presentare delle ricette magari semplici o quotidiane, a cui non diamo molta importanza, ma che mostrate in un certo modo assumono un aspetto piu’ invitante e curioso.

Dobbiamo invogliare i nostri commensali ed anche i bambini, che di fronte a certi cibi arricciano il naso, a mangiare cio’ che gli offriamo con allegria. Forse sono un po’ presuntuosa, ma a me piace anche come una ricetta viene offerta. Cosa ne dite?

La prima proposta riguarda un “semplice” risotto coi funghi, che puo’ essere con o senza zafferano a vostro piacimento. Dunque: fate il vostro risotto nel modo classico, questa volta un po’ piu’ asciutto del solito, e nel frattempo prendete delle ciotole o delle scodelle della dimensione che preferite (a secondo della porzione di risotto che intendete servire perchè saranno delle monoporzioni). Rivestitele di fette di prosciutto crudo come se fossero degli zuccotti, mettete ora il risotto in ogni ciotola e schiacciate un po’. Se il prosciutto non viene completamente ricoperto, ripiegate quello in eccesso. Fate riposare per qualche minuto coprendo la ciotola con il piatto. Quando lo servirete, voltate la ciotola tenendo sotto il piatto e vedrete che la cupola di riso ricoperta col prosciutto si staccherà. Se cio’ non avvenisse, date un piccolo colpetto con la mano. Ogni commensale toglierà la propria ciotola ed avrà la sua gradita sorpresa. Continua a leggere