Archivi

Muffin Salati con Verdure

DSC_1951Questi muffin salati li ho copiati dalla mia amica Sabry, che ringrazio per la bontà di questa ricetta e vi rimando a lei per le dosi e la preparazione. Seguitela cliccando qui.

Questa volta mi sono attenuta rigorosamente alla ricetta di Sabry e guardate come sono venuti, posso garantire che sono buonissimi!

Cliccate qui per vedere altre foto di questi gustosi muffin.

Un saluto a Sabry e a tutti voi da Mamma G.

DSC_1958

Annunci

Mix with Pistachios, My Love

DSC_1204Io amo i pistacchi e ogni tanto esagero un pò, ma mi piacciono troppo… Ora Chiara Maci ci propone un contest con i pistacchi americani, potevo mancare??? No!!!!! Ed eccomi qui a presentarvi la mia idea, legata anche al finger food, come richiesto dal contest. Gli ingredienti non sono quantificabili perchè si possono fare più porzioni, intanto vi posso dire che la parte di pane tostata è semplicemente una fetta di pane in cassetta, i pistacchi tritati sono 80 gr sgusciati – che ho usato anche per la decorazione – il pecorino sono circa 50 gr., la ricotta circa 80 gr., il philadelphia circa 100 gr. e la mortadella circa 50 gr. Ora vi spiego cosa ho fatto.

FINTI MACARONS SALATI

Ho preso dei pomodorini, li ho tagliati più o meno nella dimensione dei macarons, ho eliminato una fettina della parte centrale, poi ho tolto i semini e li ho messi sul tagliere a testa in giù in modo che perdessero la loro acqua. Nel frattempo ho sgusciato i pistacchi, li ho tritati finemente e li ho messi in una padella antiadrente senza condimento, aggiungendo il pecorino grattugiato e li ho fatti tostare, poi li ho messi a raffreddare. Dopo ho mescolato il trito di pistacchi con della ricottina fresca, ho messo la crema ottenuta in un sac a poche ed ho guarnito il centro dei pomodorini, ricongiungendoli proprio come dei macarons. Ho poi presentato con gli stessi ingredienti, con la sola aggiunta di una fettina di mortadella, la versione scomposta in un biccchierino, mettendo sotto il pomodoro formando un fiore di mortadella e farcendo tra un petalo e l’altro con la crema e guarnendo con dei pistacchi. Questo lo intitolerei LA PIANTA DEI PISTACCHI COL SUO FIORE. Continua a leggere

Involtini di melanzane di Paola

DSC_0688Vi propongo la ricetta di Paola del blog Nastro di raso che ha fatto degli involtini molto buoni e ovviamente li ho rifatti subito. Vi metto l’indirizzo dove potrete trovare la ricetta originale e poi vi dico le piccole modifiche che ho fatto io per renderla ancora più light, anche se lo era già abbastanza. Puo’ essere servita in diverse situazioni, la ritengo molto versatile.

Cliccate questo link quindi per leggere la ricetta di Paola: Involtini di Melanzane, Fagioli e Ceci

N.B. Provatela anche così: ho usato le melanzane tonde chiare, semplicemente perchè in casa avevo già quelle, ma io ho modificato la cottura delle melanzane in padella, le ho tagliate a metà e le ho messe in forno, quando si sono appassite ho tolto la polpa e l’ho frullata col minipimer insieme ai fagioli, ai ceci, ad un pezzetto di cipolla, un filo d’olio e una spolveratina di zenzero in polvere. Poi ho farcito le melanzane, le ho messe in una pirofila e le ho sporcate con della passata di pomodoro, un filo d’olio e un pizzico di basilico, poi in forno a 180° per circa 15 minuti. Mi sembra che più leggera di così non si possa fare… Che ne dite? Contenti anche i vegetariani e quelli attenti alla dieta.

DSC_0689

Cliccate qui per vedere altre gustose foto di questo piatto.

Buon appetito da Mamma G.

Marmellata di cipolle dorate

DSC_0467Questa marmellata io la chiamo  Crema di cipolle, è molto sfiziosa e difficile da trovare in giro, di solito si trova quella con le cipolle rosse di tropea, per altro buonissima, ma questa è fatta con le cipolle dorate che sono più dolci e con degli ingredienti segreti che ora vi svelerò. Potrebbe a prima lettura sembrare una crema agrodolce, ma non lo è, potrei definirla più una crema stuzzicante. La inserisco sia nella rubrica di Preparazione che in quella di Presentazione.

INGREDIENTI:

– 1 kg. di cipolle dorate
– 100 gr. di olio evo
– 1/4 di aceto di vino bianco
– 40 gr. di zucchero
– 15 gr. di zucchero caramellato
– 2 cucchiai di salsa di soia
– 1 cucchiaio di spezie (noce moscata-chiodi di garofano-poca cannella)

PREPARAZIONE: Affettare sottilmente le cipolle, anche con il robot, e farle soffriggere in una pentola, poi mettere il coperchio e far cuocere a fiamma dolce. Quando si saranno quasi completamente sciolte (2-3 ore circa) aggiungere lo zucchero, le spezie e lo zucchero caramellato amalgamato con l’aceto. Passare il composto col minipimer, poi unire la soia, se necessario far addensare un pò sul fuoco.

N.B. Questa crema è adatta in particolare per accompagnare i formaggi stagionati o semi-stagionati, oppure anche carni lessate o alla griglia e per chi osa coi sapori decisi, perchè non condirci una pasta?

Continua a leggere

Presentazione delle “Uova per Natale”

DSC_0616Anche se il Natale è già passato vi faccio vedere come si presentano queste uova di cui vi avevo già dato la ricetta il 27/11 qui, anche perchè possono rimanere così fino a circa tre mesi.

Oggi ho preso un’insalatina piccola, che rappresenta un nido, voi potete usare la vostra fantasia ed usare anche un altro tipo d’insalata, l’importante è che ci sia un ingrediente abbastanza neutro perchè le uova sono molto saporite. Con l’insalatina ho formato quindi un nido e ho adagiato nel centro le uova tagliate con l’attrezzino apposta ed un filo d’olio.

Ora aspetto le vostre impressioni.

PS: Un’altra volta le ho servite su delle tartine spalmate di mascarpone con sciolto un po’ di zafferano, un’altra idea simpatica.

DSC_0605

Cliccate qui per vedere altre foto di queste gustose uova.

Alla prossima. Ciao, Mamma G.

Uova per Natale!

Si, avete capito bene, prepariamo delle uova che vanno messe in un bel vaso e ci devono stare almeno un mesetto. Non solo a Pasqua, ma anche a Natale negli antipasti possiamo mangiare queste sfiziose uova molto saporite, le consiglio a chi piacciono i sapori forti.

INGREDIENTI:

– 1 contenitore grande a chiusura ermetica
– 12 uova
– 1/3 di spumante
– 1/3 di aceto di vino bianco
– 1/3 di aceto balsamico (quello meno costoso)
– 1 spicchio d’aglio
– grani di pepe
– stecchetta di cannella
– foglia di alloro
– chiodi di garofano
– erbe miste secche a piacere (io uso quelle provenzali)

PREPARAZIONE: Rassodare le uova, sbucciarle e lasciarle raffreddare, nel frattempo preparare il composto con tutti gli altri ingredienti, immergere le uova nel contenitore e ricoprire con il composto. Lasciarle chiuse in un posto al buio almeno un mese prima di mangiarle. Si servono tagliate a fettine su un’insalatina fresca oppure su tartine con un fondo o di maionese o di philadelphia con un po’ d’olio e zafferano.

Continua a leggere

Geometria in cucina

Domenica, piove, non ho voglia di fare niente in casa, tutti dormono ed avvicinandomi alla cucina incominciano a frullarmi in testa tante idee. Quello che vi presento oggi è il risultato di queste mie fantasie che ho chiamato “Geometrie in cucina” perchè ho dato ad ognuna una forma geometrica. Le ricette sono tre: “Triangolini d’antipasto” – “Mattonella di salmone”” Riso venere con mazzancolle”. Di seguito vi metto le tre ricette.

TRIANGOLINI D’ANTIPASTO

INGREDIENTI:

– pane bianco per tramezzini
– caprino  o philadelphia
– 1 scatoletta di tonno da 80 gr
– 60 gr. di prosciutto cotto
– 60 gr. di speck
– qualche fettina di salmone affumicato
– maionese q.b.
– olio q.b.
– pepe q.b.
– semi di papavero per guarnire

PREPARAZIONE: Formate le cremine varie usando come base il formaggio a vostra scelta, unendo uno degli altri ingredienti e dove è necessario aggiungete un filo d’olio o di pepe, l’unico dove va aggiunta anche un po’ di maionese è quella col tonno. Preparate le varie creme, distribuitele su una fetta grande di pane, poi ricoprite con un’altra fetta e fate così per ogni crema. Quando avete finito avvolgete il pane in pellicola o in un recipiente e metteteli in frigorifero per qualche ora. Questo vi faciliterà nella preparazione perchè, volendo, potete prepararli anche il giorno prima e tagliarli all’ultimo momento. Quando sarà il momento di preparare i piatti da servire, estraeteli dal frigorifero e tagliateli nella forma che piu’ vi piace, io in questo caso li ho tagliati a triangolini, per le mie geometrie, ma di solito li taglio a quadratini mono-bocconi e li monto a piramide alternati su un piatto e decoro negli spazi sporgenti con pezzetti di sott’olio variopinti, fa un’ottima riuscita anche visiva. In questo caso, per rimanere sui colori degli altri piatti, ho spolverizzato con dei semi di papavero.

Continua a leggere